spazio
destraitalia.it spazio sito di informazione politica della destra italiana spazio
spazio
spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio
spazio
spazio
opinioni
notizia inserita il 09/09/2005
spazio
spazio spazio
spazio
NEW ORLEANS, UNA TRAGEDIA ED UNO SCANDALO
spazio
di nazzareno mollicone
spazio

spazio



Quello che stiamo leggendo e vedendo ai telegiornali italiani ed esteri in questi giorni riguardo all’inondazione di Nuova Orleans, sta facendo emergere l’altro volto degli Usa, un volto che molti conoscevano ma che non appariva alla grande opinione pubblica.
Nei fatti avvenuti questa settimana si sono sommati tanti eventi insieme.
La sottovalutazione della potenza del ciclone Katryna, cosa impensabile per uno Stato che invia navicelle spaziali, che dispone di decine di satelliti artificiali ivi compresi quelli meteorologici, che ha le migliori università scientifiche del mondo ed il maggior numero di Premi Nobel. Tutto questo complesso tecnologico-scientifico non è stato in grado di prevedere le conseguenze di un evento che – a differenza dello tsunami asiatico dello scorso Natale – non è avvenuto nel giro di poche ore ma nell’arco di almeno una settimana.

Vi è stata poi l’evidente assenza di qualsiasi piano d’emergenza a tutela delle popolazioni interessate, oltre che delle località colpite. Lo sgombero di Nuova Orleans, annunciato all’improvviso, non aveva previsto destinazioni d’arrivo dei profughi e la predisposizione di zone d’accoglienza. Non ci sembra, infatti, di aver visto tendopoli o parcheggi di camper, con ospedali da campo, riserve di viveri e d’acqua, generatori elettrici e quant’altro serve ad una massa così ingente di profughi.

E’ sorprendente poi la carenza di risorse petrolifere in un Paese che controlla, direttamente od indirettamente, la maggior parte del mercato mondiale del petrolio. La distruzione o la sospensione dell’attività di alcune raffinerie non può provocare una paralisi.

Infine, vi è il problema dell’ordine pubblico. Quello che è accaduto nelle strade allagate ed abbandonate di Nuova Orleans è degno di un film catastrofico, quelli che la cinematografia hollywoodiana produce e diffonde almeno ogni anno. La presenza di bande di razziatori, stupratori, assassini in giro a depredare, rapinare, distruggere, e la diserzione, transitoria o definitiva, della polizia locale, hanno imposto l’intervento dell’Esercito, in particolare della “Military Police” e della Guardia Nazionale reduce dall’esperienza di guerriglia permanente in Irak. E’ poi sconcertante il fatto che gli Usa abbiano dovuto chiedere ufficialmente aiuto all’Europa semplicemente per avere – pensate un pò – kit di pronto soccorso, coperte, razioni alimentari.
Ebbene, tutto ciò appartiene più al terzo mondo, all’Africa subsahariana piuttosto che alla prima potenza mondiale! Ed è avvenuto in un Paese che ritiene di essere continuamente sotto la minaccia terroristica, come dimostra l’indicazione “elevated” che appare ogni giorno sui telegiornali della Fox o della Cnn. Se ci fosse stato veramente un attacco terroristico nucleare, o chimico, cosa sarebbe successo?
Com’è stato possibile tutto ciò?

Evidentemente, il tessuto sociale americano – al di là dell’apparenza esterna politica e militare – è estremamente fragile, non solo e non tanto per gli aspetti tecnici ed operativi ma soprattutto per l’aspetto morale.
L’anarchia di Nuova Orleans (ed anche di altre località, sia pure in tono minore) sono un altro aspetto della degenerazione della competitività capitalista esistente negli Stati Uniti. Tutti pensano ormai solo a se stessi, ma non agli altri; non esiste più, nelle città anche medie (Nuova Orleans ha solo mezzo milione di abitanti, un quartiere di Roma!), la solidarietà umana; il possesso di beni materiali è il solo metro di valutazione del successo, e lo si consegue anche con le rapine, approfittando delle disgrazie; l’ostinata difesa di un’antica norma costituzionale che prevede il diritto ad acquistare, detenere e portare armi induce chiunque a servirsene nei momenti d’emergenza. Ma le razzie a mano armata dimostrano anche un’altra cosa, l’emarginazione per motivi razziali od economici d’ingenti masse di popolazione.

L’Europa, la vecchia Europa tanto negletta dagli intellettuali nordamericani, il “regno di Venere” indicato da Rumsfeld, ha avuto anch’essa terremoti ed alluvioni, ma non è successo nulla di tutto ciò. Il riferimento va subito agli straripamenti del Danubio di poche settimane fa ed ai contemporanei incendi che hanno distrutto il Portogallo arrivando fino a Coimbra; ma pensiamo pure alle nostre alluvioni del Polesine e di Sarno, ai nostri terremoti, quelli del Belice del 1968, dell’Irpinia del 1980 e dell’Umbria del 997, tanto per citarne qualcuno dei più forti.
Ebbene, nonostante che l’Italia non fosse tecnologicamente all’avanguardia, la protezione civile ha funzionato, i campi di ricovero ed assistenza dei profughi vi sono stati, ma soprattutto non vi sono stati i saccheggi e gli omicidi. Pensiamo a Napoli e la Sicilia in cui dominano camorra e mafia, e constatiamo la massima tranquillità criminale al momento del terremoto.

Scriviamo questo certamente non con soddisfazione, perché condividiamo le sofferenze di quelle popolazioni. Ma riteniamo che la nostra classe politica italiana ed europea debba riflettere sugli eventi accaduti in questi giorni per superare complessi d’inferiorità nei confronti degli Stati Uniti e valutare attentamente, su un piano paritario, le sue iniziative nell’economia e nella politica mondiale. Si può essere benissimo alleati di qualcuno ma ciò non deve impedirci di conoscere, valutare e tener conto delle sue debolezze interne.
« tutte le news
« tutte le discussioni
« tutte le opinioni
spazio » solo le news di politica
» solo le news di cultura
» solo le news di attualità
spazio invia un commento a questo articolo
stampa questa pagina
spazio
spazio
Segnala questo articolo ad un amicospazio spazio
spazio
scrivici
spazio
spazio
scrivici
destraitalia@destraitalia.it
spazio
spazio
spazio
speciali
spazio
spazio spazio spazio
speciale dal mondo spazio speciale enti locali
dal mondo spazio enti locali
spazio spazio spazio
spazio
spazio
spazio
cerca nel sito


spazio
spazio
news
spazio spazio
spazio
spazio
Salvini: 'La Tav si farà, il progetto verrà soltanto rivisto'
spazio
Brexit: Pil Gb +0,2% nel trimestre,-0,4% a dicembre
spazio
Migranti, Di Maio: pronti a un incidente diplomatico con l'Olanda
spazio
Mogherini, pronti a chiudere Sophia
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Paolo VI e Romero santi in Vaticano il 14 ottobre
spazio
E' morto Paolo Villaggio. La figlia: "Ora sei di nuovo libero di volare"
spazio
Palermo capitale italiana della cultura
spazio
Un libro di foto per raccontare i 70 anni dell'Unicef. In collaborazione con Ansa
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Vasto incendio a Cogoleto (Genova): sfollati e scuole chiuse. La A10 riapre solo verso Savona
spazio
Incendio nella nuova tendopoli di San Ferdinando, un morto
spazio
Migranti: nave Mediterranea ferma davanti Lampedusa. Salvini: 'Non entrano'
spazio
Vaccini: da oggi a scuola soltanto con il certificato
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Poveri universitari, ecco perché non riescono più a pagarsi gli studi
spazio
Toglie i rifiuti dalla spiaggia e viene multata
spazio
Il bimbo di 15 mesi piange, mamma e figli cacciati dal bus: "Infastidiva il conducente"
spazio
Gaza, Netanyahu: "Operazione potrà richiedere tempo"
spazio
spazio
speciali
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
USA. POLIZIA SPARA A NERO DISARMATO
spazio
Burkina Faso, anti-governativi incendiano il Parlamento
spazio
Casa Bianca, Usa sono in guerra con Isis
spazio
Vivian e Alice, insieme da 72 anni, oggi spose:
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Crocetta, discariche? No deriva camorra
spazio
MAZARA, DISPOSTO IL PAGAMENTO DI 410 MILA EURO IN FAVORE DI BELICE AMBIENTE
spazio
MAZARA, COMPLETATI I LAVORI DI ARREDO URBANO NEL LARGO “SANTO VASSALLO”
spazio
MAZARA, DOMANDE PER LE BORSE LAVORO
spazio
spazio
spazio
inizio pagina spazio powered by Redstone multimedia Redstone multimedia
spazio
spazio