spazio
destraitalia.it spazio sito di informazione politica della destra italiana spazio
spazio
spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio
spazio
spazio
opinioni
notizia inserita il 05/09/2005
spazio
spazio spazio
spazio
SCROLLIAMOCI DI DOSSO IL MALUMORE
spazio
di marco zacchera
spazio
"C'è chi sta peggio di noi"
spazio
Cari amici,

pronti, rilassati e pimpanti al via del dopo-ferie? Scrolliamoci di dosso il malumore, anche perchè - per conosolarci - dobbiamo sempre pensare che in fondo c'è qualcuno che sta peggio di noi!
Scherzi a parte, riprende una lunga stagione politica che avrà come coronamento le elezioni politiche e - con l'aria che tira - penso che ciascuno debba intanto fare il proprio dovere sperando che i "grandi capi" capiscano che gli italiani guardano, giudicano...e voteranno di conseguenza e quindi sta a ciascuno di noi la responsabilità del proprio comportamento e della sua azione politica.
Ma la CREDIBILITA' DI UNA DEMOCRAZIA (e di una maggioranza) passa anche attraverso passi significativi come, ad esempio, UNA RIDUZIONE DEL COSTO DELLA POLITICA che per essere seria non può limitarsi a tagliare lo stipendio ai deputati (gesto giusto, ma molto demagogico) .
Vi prego di leggere a questo proposito quanto sotto riportato, testo sul quale vi invito a mandarmi suggerimenti, critiche e commenti.

Anche a proposito di quanto affermavo la scorsa settimana circa la tassazione delle rendite finanziarie ho ricevuto molti commenti, alcuni anche critici e richieste di chiarimenti.
Ribadisco che se vogliamo trovare congrue risorse da "mirare" al contestuale taglio delle imposte per le piccole e medie imprese e le famiglie è sulle rendite finanziarie che si può incidere, con una aliquota inferiore a quella oggi applicata sugli interessi bancari che è eccessivamente penalizzante ( 27%) ed applicando piuttosto una franchigia sulle rendite al disotto di un certo plafond in modo da non danneggiare i piccoli e medi risparmiatori. Se esentassimo fino ad un valore di circa 2.000 euro mensili di rendita l'applicazione dell'imposta avremmo salvaguardato una "fascia sociale" molto ampia. Da colpire sono insomma quelle rendite speculative che oggi sfuggono al fisco in maniera totale, il che non è giusto, soprattutto quando vengono effettuate tenendo "a garanzia" gli stessi risparmi dei contribuenti .
Assurdo poi far pagare poi su BOT e CCT perchè deprezzerebbe i titoli di stato, mentre se ne fossero esenti permetterebbero emissioni a interessi più convenienti per il risparmiatore facendo risparmiare sulla spesa pubblica.

APPUNTAMENTI

Riprendono intanto i miei appuntamenti: SABATO 10 E DOMENICA 11 SETTEMBRE, presso la pista di go-kart di Crevoladossola (loc."Oasi") dell'amico Mauro Polli è organizzata una "2 giorni sportiva" con incontri, appuntamenti e l'esibizione del campione italiano rally 2004 (e speriamo anche 2005) Piero Longhi.

VENERDI' 16 SETTEMBRE a PREMOSELLO (VB) "Rapporto Agli Elettori" alle ore 21 presso la sala consiliare in Municipio

A tutti un cordiale saluto, ricordando che la mia segreteria è contattabile allo 0323 403057 ( a Verbania) oppure 06 68210298 ( a Roma).

CREDIBILITA’ DI UNA DEMOCRAZIA

Leggo delle polemiche legate alla proposta di una riduzione del 10% degli stipendi dei parlamentari e sorrido: proprio un anno fa di questi tempi (ma senza farne pubblicita !!) avevo scritto una lunga lettera al Presidente della Camera, Pierferdinando Casini, perche’ lui stesso proponesse questo concetto, a dimostrazione di un maggiore rispetto verso gli elettori ed alla luce delle periodiche polemiche sugli “stipendi d’oro” della politica.
Non giunse nessuna risposta e mi fa piacere che oggi qualcuno la riprenda.
Il discorso pero’ dovrebbe essere molto piu’ ampio, perche’ una Democrazia sta in piedi se i suoi rappresentanti dimostrano di capire i problemi di chi li elegge e quindi, in tempi di crisi, dovrebbero essere i primi a dimostrarsi disponibili a tirare un po’ la cinghia.
E QUESTA DOVREBBE PER ESEMPIO ESSERE UNA INIZIATIVA CONCRETA ED IMMEDIATA DI TUTTA INTERA LA CASA DELLE LIBERTA’ PER RECUPERARE CREDIBILITA’ E “FEELING” CON I PROPRI ELETTORI
Per questo in una riforma che fosse seria e non solo demagogica, per dare concretamente una stretta alla spesa pubblica non dovrebbero rientrare solo gli eletti politici ai diversi livelli, ma tutte le persone che grazie alla politica – come consulenti, esperti e a vario titolo “nominati” – riescono spesso a recuperare emolumenti ingenti e che alla fine “cubano” – e non poco – per le pubbliche finanze.
Un taglio per tutti, quindi, con una franchigia – ad esempio – di 10.000 euro l’anno (per non colpire piccoli o saltuari percettori, oppure amministratori di piccoli enti che spesso meriterebbero ben di piu’ di quello che prendono) ma poi una bella cura dimagrante per tutti: dal Presidente della Repubblica ai parlamentari, ai ministri (che peraltro l’ hanno gia’ fatta: nessuno forse lo ricorda, ma una riduzione sugli emolumenti precedenti fu applicata subito dal neo-governo Berlusconi nel 2001).
Ma la serie e’ ancora lunga: consiglieri regionali, assessori provinciali, sindaci importanti per poi passare ai revisori dei conti delle amministrazioni, ai consulenti, agli “esperti”.
Ma si vuole davvero portarla avanti una proposta come questa, o e’ solo volersi fare pubblicita’ per un giorno? Perche’ di pari passo ci sarebbe una seconda, immediata riforma da applicare: rendere pubbliche non solo le dichiarazioni dei redditi degli eletti (come gia’ avviene), ma anche fornire l’elenco nominativo delle consulenze annualmente comissionate da ogni singola amministrazione pubblica...vedreste che elenco, quanti “amici degli amici” sistemati con incarichi di discutibile necessita’!
Ovviamente questo dovrebbe valere - a maggior ragione - anche per i dirigenti pubblici, i professori universitari, i magistrati quando ottengano consulenze ben remunerate da altri enti pubblici e avanti cosi’ per tutte quelle persone “elette di secondo grado” che non sono passate cioè almeno da un voto popolare ma sono state “messe lì” da chi a sua volta è stato eletto.
Avete una idea di quante siano ? Secondo LA STAMPA circa 150.000 persone in Italia avrebbero redditi di questo tipo e migliaia lo hanno di importi ben superiore a quelli dei “politici”..
E infine, terza proposta, cercare di capire perche’ si siano moltiplicate negli anni tutte quelle societa’ “miste” dove se – poniamo - prima c’erano solo le “F.S. - Ferrovie dello Stato” ora ci sono una miriade di societa’ di gestione settoriali tutte con il suo bravo presidente, consiglio di amministrazione, direttori generali ecc.ecc.
Passera’ mai questa proposta? Sinceramente non credo, pero’ – in occasione della prossima discussione sulla legge finanziaria – io la presentero’ nero su bianco... poi vi raccontero’ chi si mettera’ di traverso.
« tutte le news
« tutte le discussioni
« tutte le opinioni
spazio » solo le news di politica
» solo le news di cultura
» solo le news di attualità
spazio invia un commento a questo articolo
stampa questa pagina
spazio
spazio
Segnala questo articolo ad un amicospazio spazio
spazio
scrivici
spazio
spazio
scrivici
destraitalia@destraitalia.it
spazio
spazio
spazio
speciali
spazio
spazio spazio spazio
speciale dal mondo spazio speciale enti locali
dal mondo spazio enti locali
spazio spazio spazio
spazio
spazio
spazio
cerca nel sito


spazio
spazio
news
spazio spazio
spazio
spazio
Salvini: 'La Tav si farà, il progetto verrà soltanto rivisto'
spazio
Brexit: Pil Gb +0,2% nel trimestre,-0,4% a dicembre
spazio
Migranti, Di Maio: pronti a un incidente diplomatico con l'Olanda
spazio
Mogherini, pronti a chiudere Sophia
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Paolo VI e Romero santi in Vaticano il 14 ottobre
spazio
E' morto Paolo Villaggio. La figlia: "Ora sei di nuovo libero di volare"
spazio
Palermo capitale italiana della cultura
spazio
Un libro di foto per raccontare i 70 anni dell'Unicef. In collaborazione con Ansa
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Vasto incendio a Cogoleto (Genova): sfollati e scuole chiuse. La A10 riapre solo verso Savona
spazio
Incendio nella nuova tendopoli di San Ferdinando, un morto
spazio
Migranti: nave Mediterranea ferma davanti Lampedusa. Salvini: 'Non entrano'
spazio
Vaccini: da oggi a scuola soltanto con il certificato
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Poveri universitari, ecco perché non riescono più a pagarsi gli studi
spazio
Toglie i rifiuti dalla spiaggia e viene multata
spazio
Il bimbo di 15 mesi piange, mamma e figli cacciati dal bus: "Infastidiva il conducente"
spazio
Gaza, Netanyahu: "Operazione potrà richiedere tempo"
spazio
spazio
speciali
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
USA. POLIZIA SPARA A NERO DISARMATO
spazio
Burkina Faso, anti-governativi incendiano il Parlamento
spazio
Casa Bianca, Usa sono in guerra con Isis
spazio
Vivian e Alice, insieme da 72 anni, oggi spose:
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Crocetta, discariche? No deriva camorra
spazio
MAZARA, DISPOSTO IL PAGAMENTO DI 410 MILA EURO IN FAVORE DI BELICE AMBIENTE
spazio
MAZARA, COMPLETATI I LAVORI DI ARREDO URBANO NEL LARGO “SANTO VASSALLO”
spazio
MAZARA, DOMANDE PER LE BORSE LAVORO
spazio
spazio
spazio
inizio pagina spazio powered by Redstone multimedia Redstone multimedia
spazio
spazio