spazio
destraitalia.it spazio sito di informazione politica della destra italiana spazio
spazio
spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio spazio
spazio
spazio
politica
notizia inserita il 27/04/2005
spazio
spazio spazio
spazio
Quale fine avremmo fatto Professore?
spazio
di Paolo Manfredi
spazio
Dalle mie parti si dice: cchiù nnera da mezzanotte nun po' venì.
(articolo inviatoci da Giuliana D'Olcese)

spazio
Si va diffondendo sempre di più l'opinione, a mio avviso errata, che un "demagogus ridens" abbia rovinato l'Italia e che adesso si debba correre ai ripari, magari con elezioni anticipate. Nulla di più falso. In realtà Costui non ha fatto granché per rovinare l'Italia, che era già messa male per conto suo con un debito pubblico titanico e con quella gestione delle risorse comuni, clientelare ed inefficiente, che diede luogo alla ventata giustizialista e moralizzatrice di mani pulite.

Semplicemente, la gestione della cosa pubblica durante questi ultimi anni non è stata l'oggetto principale dell'azione di governo o, almeno, non è stata l'oggetto esclusivo.
La colpa più grande di questo governo è stata l'inazione, la mancanza di progetti, il cedimento ai ricatti degli alleati, il compromesso non finalizzato a un risultato ma solo teso a preservare il potere. Un nulla evidenziato, per contrasto, da una inusitata vanteria e da demagogici proclami: milioni di posti di lavoro, opere faraoniche, ponti, energia ecc.

Certamente l'inazione è un male gravissimo quando si governano i destini di 57 e passa milioni di abitanti. Sicuramente, questo governo è colpevole di omissione più che per aver agito male, perché l'unica cosa che sembra aver fatto è il bene di una ristrettissima cerchia di persone e di imprese, Mediaset in primis. Ma questo non basta ad accusare l'homo ridens dei mali d'Italia e della situazione obiettivamente drammatica in cui il nostro Paese versa.
Prima del nulla, invece, c'è stata la spartizione partitocratrica, il depauperamento sistematico della cosa pubblica a vantaggio di politici, associazioni sindacali, imprese politicamente connotate: giusto per fare alcuni esempi la Parmalat era "democristiana" (una sede molto importante è a Nusco), Capitalia pure, anche se con qualche apertura di credito ecumenica nei confronti degli amici che la pensavano diversamente; la Fiat anche era governativa ed ecumenica, le Cooperative invece erano in prevalenza rosse (cosa se ne fregheranno oggi i consumatori se il prodotto viene da destra o da sinistra?).

E poi c'era l'IRI, onore e vanto dell'industria nazionale con tante realtà produttive di eccellenza che qualcuno ha inteso svendere, senza piani industriali, solo per far cassa (Prodi era llievo di Andreatta? Mah..), col risultato che mentre Francia e Germania sono impegnati in progetti di grande respiro come in AIRBUS, nell'industria meccanica, nell'energia ecc., l'Italia ha completamente dismesso i panni del produttore pur avendone le capacità tecnologiche e la tradizione industriale.
E' forse utile ricordare che a quei tempi Prodi era il presidente dell'IRI ed era lì per volontà di quelli che hanno portato l'economia italiana al dissesto in cui si trova ora (negli ultimi decenni s'intende, nel dopoguerra non so, non ero ancora nato).
Ora non mi sento affatto rassicurato dal ritorno di quella faccia paciosa e sorniona di chi sa il fatto suo, da chi spaccia l'entrata nell'Euro come una grande conquista, perché se a quest'ora non fossimo entrati chissà quale fine avremmo fatto.

Quale fine avremmo fatto Professore? Dalle mie parti si dice: cchiù nnera da mezzanotte nun po' venì,.
« tutte le news
« tutte le discussioni
« tutte le opinioni
spazio » solo le news di politica
» solo le news di cultura
» solo le news di attualità
spazio invia un commento a questo articolo
stampa questa pagina
spazio
spazio
Segnala questo articolo ad un amicospazio spazio
spazio
scrivici
spazio
spazio
scrivici
destraitalia@destraitalia.it
spazio
spazio
spazio
speciali
spazio
spazio spazio spazio
speciale dal mondo spazio speciale enti locali
dal mondo spazio enti locali
spazio spazio spazio
spazio
spazio
spazio
cerca nel sito


spazio
spazio
news
spazio spazio
spazio
spazio
Migranti: tregua Italia-Francia. Conte domani a Parigi. Macron: 'Mai voluto offendere'
spazio
Guardia Costiera, Aquarius a Valencia in sicurezza
spazio
Facebook, nuova bufera sui dati: accesso a 4 big cinesi
spazio
Governo: Conte al lavoro, oggi il voto di fiducia al Senato
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Paolo VI e Romero santi in Vaticano il 14 ottobre
spazio
E' morto Paolo Villaggio. La figlia: "Ora sei di nuovo libero di volare"
spazio
Palermo capitale italiana della cultura
spazio
Un libro di foto per raccontare i 70 anni dell'Unicef. In collaborazione con Ansa
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Papa Francesco: aborto bimbi malati, come nazisti ma con i guanti bianchi
spazio
Occupati aprile toccano record storico, 23,2 milioni
spazio
Ue, ok conti 2017, no procedure. Nel 2019 serve aggiustamento dello 0,6%
spazio
Strage a Gaza, 59 morti, anche una neonata
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Poveri universitari, ecco perché non riescono più a pagarsi gli studi
spazio
Toglie i rifiuti dalla spiaggia e viene multata
spazio
Il bimbo di 15 mesi piange, mamma e figli cacciati dal bus: "Infastidiva il conducente"
spazio
Gaza, Netanyahu: "Operazione potrà richiedere tempo"
spazio
spazio
speciali
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
USA. POLIZIA SPARA A NERO DISARMATO
spazio
Burkina Faso, anti-governativi incendiano il Parlamento
spazio
Casa Bianca, Usa sono in guerra con Isis
spazio
Vivian e Alice, insieme da 72 anni, oggi spose:
spazio
spazio
spazio
spazio spazio
spazio
spazio
Crocetta, discariche? No deriva camorra
spazio
MAZARA, DISPOSTO IL PAGAMENTO DI 410 MILA EURO IN FAVORE DI BELICE AMBIENTE
spazio
MAZARA, COMPLETATI I LAVORI DI ARREDO URBANO NEL LARGO “SANTO VASSALLO”
spazio
MAZARA, DOMANDE PER LE BORSE LAVORO
spazio
spazio
spazio
inizio pagina spazio powered by Redstone multimedia Redstone multimedia
spazio
spazio